domenica, luglio 30, 2006

 

L'intervento di D'Ambrosio

Intervento di D'Ambrosio al Senato, sabato 30 luglio 2006:

D'AMBROSIO (Ulivo). Domando di parlare per dichiarazione di voto.

PRESIDENTE. Ne ha facoltà.

D'AMBROSIO (Ulivo). Grazie signor Presidente, onorevoli colleghi, sono fermamente contrario a questo indulto così esteso. Sono contrario perché non riesco francamente ad afferrarne le ragioni politiche. Sarà forse perché sono entrato in politica da pochi mesi avendo esercitato per tutta la vita un'altra professione. (Commenti dal Gruppo FI). Sono da sempre stato convinto che il provvedimento di amnistia e di indulto, oltre a essere controproducente sul piano dell'educazione alla legalità, è sempre una scappatoia per evitare di risolvere o quantomeno di differire sine die la soluzione dei veri problemi della giustizia e dei veri problemi delle carceri.
Dal 1949 al 1990 sono stati emessi ben 11 provvedimenti di amnistia e di condono, con la media di uno ogni quattro anni, sempre con il pretesto e la giustificazione - che sono anche quelli di oggi - di sfoltire la popolazione carceraria e di alleggerire il lavoro dei magistrati, ma ogni volta, dopo sei mesi, le carceri si trovavano nella stessa condizione. Quindi tra sei mesi ci troveremo a discutere degli stessi problemi. (Applausi dai Gruppi AN e LNP).
Non credo che ci sia Paese civile al mondo in cui il processo penale abbia una durata media di otto anni, quant'è quella del nostro processo penale. Non credo neppure che ci sia un Paese in cui, per risolvere dei fenomeni si agisce sugli effetti e non sulle cause, come si è fatto in Italia con la cosiddetta legge Pinto, che ha stabilito il risarcimento dei danni, mentre nessun Governo - tantomeno l'ultimo - si è mai preoccupato di prendere provvedimenti per abbreviare i tempi dei processi.
Non credo ci sia altro Paese civile in cui le carceri sono nelle condizioni in cui si trovano le nostre. Cito solamente, in particolare, che solo il 20 per cento dei detenuti usufruisce dell' acqua calda ogni giorno. Solo il 10 per cento dei detenuti ha un lavoro: in Germania, che è un Paese nostro vicino in Europa, il lavoro è dato al 100 per cento dei detenuti, tant' è vero che si è creato un indotto industriale intorno alle carceri. La stessa cosa è avvenuta in Francia, che pure aveva i nostri problemi carcerari, perlomeno dal punto di vista delle strutture; non si è potuto naturalmente creare il lavoro in carcere, ma si sono creati degli istituti che consentono ai detenuti di andare a lavorare fuori dal carcere, sotto la vigilanza della polizia penitenziaria. In Italia di tutto questo non si trova traccia.
Credo che la maggioranza che ha approvato alla Camera dei deputati questo provvedimento non si sia resa effettivamente conto di quale sia la portata di un indulto di queste dimensioni: è stato detto che usciranno 12.000 detenuti condannati con sentenza definitiva. Bene: basta che chiunque di voi, onorevoli colleghi, consulti il sito internet del Ministero della giustizia, aggiornato al 31 dicembre 2005, perché si renda conto che i condannati con pena residua inferiore ai tre anni sono il 61,2 per cento del totale. Se è così, allora, il numero di coloro che dovrebbero uscire, senza tener conto delle esenzioni, va da 22.000 a 24.000.
Dal calcolo che ho compiuto tale numero sarebbe pari a 22.400, ma esso è stato fatto prendendo a riferimento un numero di detenuti di poco superiore a 59.000: se è vero che tale numero è arrivato a 61.000, c'è da pensare che effettivamente ci sia un numero ancor più cospicuo di scarcerazioni.
Badate bene che queste scarcerazioni non interesseranno detenuti da poco, ma detenuti che hanno commesso reati gravi: colui che è stato condannato a più di tre anni, che ha una pena residua di tre anni, ha commesso un reato grave. Ho consultato i colleghi di Milano e mi hanno detto che solo per rapina a mano armata usciranno 358 condannati: per rapina commessa con armi proprie. Questa è una cosa gravissima.
Ma la cosa più grave...

STIFFONI (LNP). (Il ministro Mastella è impegnato in una conversazione telefonica. Proteste dal Gruppo LNP). Ministro, ascolti!

D'AMBROSIO (Ulivo). Questa è una cosa gravissima perché dopo aver, durante la campagna elettorale, predicato da tutte le parti sicurezza per i cittadini, in quest'Aula, ma anche in Commissione, di sicurezza si parla poco.
Dicevo, la cosa più grave è che verranno messe nel nulla circa 100.000 sentenze di condanna, perché se qualcuno non lo sa, ci sono ben 67.000 sentenze a condanne inferiori a tre o quattro anni, se si tratta di tossicodipendenti, che hanno il decreto di sospensione e che sono in attesa del giudizio del tribunale di sorveglianza per vedere se il condannato deve essere affidato al servizio sociale. Ma oltre a questi, ci sono quelli già affidati al servizio sociale (circa 40.000), che per ora sono sottoposti all'assistenza dei servizi sociali e alla sorveglianza della polizia, se occorre, ma che rimarranno liberi di fare quello che vogliono.
Ma questo non è che solo uno degli effetti perversi. Così com'è stato già messo in evidenza da altri, ciò che impressiona di più è che ormai per tutti processi pendenti, come ha detto giustamente il senatore Castelli, noi abbiamo dato un bonus di tre anni a tutti coloro che sono sotto processo. Mi metto nei panni dei miei ex colleghi che devono istruire dei procedimenti e mandarli avanti sapendo che ci sarà una condanna vana. (Applausi dal Gruppo LNP e del senatore Guzzanti). E se dovesse esserci una condanna superiore ai tre anni, ci sarà il ricorso al rito abbreviato, con l'abbattimento di un ulteriore terzo, e se non basta, ci sarà il patteggiamento in appello.
Credo che non ci sia resi conto perfettamente delle dimensioni enormi di questo provvedimento, che non aiuta i poveri disgraziati. Questo è un mito. Anche questo è un mito! Non li aiuta affatto. (Applausi dal Gruppo AN). Aiuta i delinquenti, quelli che si dedicano al crimine e che lo fanno per scelta, per non lavorare, perché è più facile guadagnare col crimine. (Applausi dai Gruppi LNP e AN e dei senatori Guzzanti e Fisichella). Qui c'è anche l'ex questore di Napoli che sa benissimo, meglio di me, che anche l'economia è condizionata fortemente dalla criminalità, da quella che viene definita piccola criminalità, ma che non lo è. Sono delle scelte precise che si fanno.
Io però, signor Presidente, onorevoli colleghi, mi sono reso perfettamente conto di una cosa, ossia che se si dovesse respingere in questo momento tout court questo provvedimento, effettivamente deluderemmo delle forti aspettative che si sono create nelle carceri e quindi ci potrebbero essere problemi di ordine pubblico. È per questa ragione che ho presentato l'emendamento in questione. Come è già stato fatto notare, se noi anziché ricorrere ad un indulto di tre anni, ricorressimo ad un indulto di un anno, effettivamente raggiungeremmo proprio lo scopo che ci è stato detto dal relatore essere la ratio di questo provvedimento, cioè quello di sfollare le carceri.
Infatti, secondo quello che è stato riferito dallo stesso rappresentante del Ministero, i detenuti che uscirebbero per un provvedimento di indulto di un anno sono 11.346 con pene residue inferiori ad un anno, quindi poco meno dei 12.000 che lo stesso rappresentante del Governo dice uscirebbero per effetto di questo provvedimento. Allora mi domando, perché estenderlo a tre anni e non prevederlo di uno, senza le esclusioni? Ecco perché ho deciso di intervenire.
Quel che però non ho capito è perché si sia preferito, come primo atto in materia di giustizia, ricorrere ad un indulto così ampio anziché a provvedimenti strutturali... (Applausi dai Gruppi AN, LNP e FI)... che sono sì quelli che incidono...

PRESIDENTE. Senatore D'Ambrosio, deve concludere.
D'AMBROSIO (Ulivo). ...sulla durata e sull'affollamento delle carceri.
Come provvedimento strutturale intendo anche quel disegno di legge che per primo, appena arrivato in questa sede, ho presentato, relativo alla depenalizzazione di quel che è un illecito amministrativo e che, solo perché reiterato, viene considerato reato e punito con la reclusione da uno a quattro anni fa.
Mi riferisco agli extracomunitari, che espulsi dall'Italia, rientrano. Secondo le indicazioni fornite dal Ministro della giustizia, solo nel 2005 sono passati per le carceri 11.500 extracomunitari puniti solo per non avere fatto niente, per essere soggetti che lavorano in nero e che vengono sfruttati da datori di lavoro senza scrupoli. Sono questi i provvedimenti strutturali che bisognava prendere! (Applausi della senatrice Pisa).
PRESIDENTE. Senatore D'Ambrosio, la invito a concludere il suo intervento.
D'AMBROSIO (Ulivo). Oggi ho firmato un altro provvedimento per allargare le misure alternative al carcere. Questi sono i provvedimenti strutturali che servono ad impedire il sovraffollamento delle carceri!
Mi spiace per i colleghi che non hanno tenuto conto degli effetti devastanti di un provvedimento di questo tipo.
PRESIDENTE. Senatore D'Ambrosio, non vorrei toglierle la parola, ma le ho già concesso tre o quattro minuti in più del tempo consentitole.
D'AMBROSIO (Ulivo). Signor Presidente, ho concluso. (Applausi dal Gruppo Ulivo e della senatrice Donati).

This page is powered by Blogger. Isn't yours?